Ormai giunti sul mercato qualche anno fa, nati per trovare una miscela adattabile a tutti i tipi di atomizzatori in commercio, dai polmonari alle Pod, gli aromi scomposti per sigaretta elettronica sono diventati il modo migliore per assaporare tutti i liquidi con grande versatilità.

Mister Fog ha deciso di approfondire questa tematica per dar modo a tutti di comprendere ed imparare a preparali in totale autonomia, soprattutto coloro i quali si stanno avvicinando ora al mondo della sigaretta elettronica.

Aromi scomposti per sigaretta elettronica: come sono fatti

Quando parliamo di aromi scomposti per sigaretta elettronica intendiamo principalmente di una quantità di aroma concentrato (composto esclusivamente da glicole propilenico) inserito in una boccetta Chubby che lascia spazio ad altri “ingredienti”. Sono appunto definiti scomposti perché manca un componente fondamentale per esser svapati, ovvero la glicerina vegetale.

Il formato maggiormente utilizzato è quello di 20 ml di aroma all’interno di una chubby da 60 ml, ma sono tuttavia presenti delle eccezioni che affronteremo più avanti nell’articolo.

Liquidi per sigaretta elettronica: facciamo un passo indietro

Prima di addentrarci nel cuore dell’argomento, è bene ricordare ai meno esperti che un liquido per sigaretta elettronica è composto da Glicerina Vegetale (VG) e Glicole Propilenico (PG) in rapporto variabile; il primo si presenta molto denso, viscoso e solitamente privo di aroma, mentre il secondo è simile all’acqua.
In linea di principio è bene ricordare questa regola: il PG dona l’aroma al liquido mentre il VG è quello che ci fa fare grandi nuvole di vapore. Vien da se che il metodo migliore per assaporare un liquido per sigaretta elettronica sia con formulazione 50/50, mentre se vogliamo fare tanto, ma tanto vapore, è meglio orientarsi su un rapporto 70% VG e 30% PG o superiore, ovviamente a discapito del gusto.

Dopo l’entrata in vigore della TPD, i liquidi per sigaretta elettronica si dividevano in due grandi gruppi, (tralasciando il fai da te con base più aroma):

– i liquidi pronti (contenenti nicotina) vengono principalmente proposti in formulazione 50% glicerina vegetale e 50% glicole propilenico (50/50), e possono essere venduti solo in formato massimo di 10 ml;

– i liquidi Mix&Vape (a nicotina zero) vengono solitamente proposti in formato 40 o 50 ml con formulazione 70% glicerina e 20% glicole, talvolta con delle variabili (60/40, 80/20, etc.)

I primi (50/50), essendo più liquidi, vengono utilizzati esclusivamente nei piccoli atomizzatori da guancia, come lo stoico Justfog p16 o il più recente Vaporesso GTX. I secondi (70/30), decisamente più densi, sono indirizzati per le abbondanti testine degli atomizzatori polmonari, dal tanto apprezzato TFV16 della Smok al più performante e rigenerabile atomizzatori a mesh Geek Vape Zeus X Mesh.

Gli aromi scomposti per sigaretta elettronica si posizionano in una categoria tutta loro. Grazie alla loro particolare formulazione sono la risposta a chi vuole assaporare un liquido sia negli atomizzatori più piccoli che in quelli più grandi, perché possono comodamente essere preparati come si preferisce (50/50-70/30,etc.).

Aromi scomposti: come si miscelano

Ed eccoci arrivati cuore della questione: come procedere alla miscelazione degli aromi scomposti ed ottenere, così, il giusto prodotto finale per il proprio atomizzatore.
Per semplificarvi al massimo le cose, Mister Fog vi ha preparato questo riepilogo:

Procedendo come indicato e utilizzando basette neutre con formula 70VG/30PG otterrete, in linea di massima, un liquido finito di 60 ml con diluizione 50/50 circa, con una concentrazione di nicotina massima di 9 mg/ml.

Se invece volete procedere, per vostro gusto personale, a realizzare un liquido più denso e fumoso (quindi con una maggiore concentrazione di glicerina) sarà necessario sostituire le basette classiche 70/30 con delle Full VG (100% glicerina vegetale) che trovare presso i nostri Store Mister Fog.

Gli altri formati degli aromi scomposti

Come anticipato, trattandosi di un prodotto molto sfruttabile, i produttori di liquidi per sigaretta elettronica stanno via via introducendo nuovi formati per dar modo di sperimentare anche diverse soluzioni. È il caso, ad esempio, degli scomposti della linea Royal Blend, proposti in formato 10 ml di glicole propilenico in Chubby da 60 ml; in questo caso, si procede come indicato in precedenza ma avendo ancora “spazio” per un’ulteriore basetta, è possibile raggiungere una concentrazione finale di nicotina pari a 12 mg/ml.

O ancora i Mini Shot prodotti, ad esempio, dalla italianissima Shake ‘n’ Vape; in questo caso vengono proposti in formato 10 ml di aroma concentrato in una pratica chubby da 30 ml e ben tre diverse modalità di utilizzo:

PREMIUM (MTL) – per atomizzatori da polmone – diluendo con basette 80/20 o, meglio ancora, Full VG;

PREMIUM (FLAVOUR) – per atomizzatori da guancia – diluendo con mezza basetta da 70/30 e aggiungendo VG puro;

ALLDAY – ideale per le piccole Pod Mod – diluendo con basette 70/30.

Infine, un prodotto molto interessante che Mister Fog vi consiglia è sicuramente il Mini Shot di Iron Vaper, 5 ml di aroma scomposto in una piccola boccetta da 15 ml totali, per arrivare comodamente ad un livello massimo di nicotina 12 mg/ml aggiungendo semplicemente una basetta da 18 mg/ml.

Bene, con questo articolo speriamo di avervi schiarito un po’ le idee. Se aveste ancora dubbi a riguardo vi invitiamo a contattarci o a lasciare un commento sotto questo post, Mister Fog vi risponderà tempestivamente! 

Prossimamente Mister Fog vi svelerà un trucco conosciuto solo dai Vapers più navigati che vi permetterà di allungare la vita delle resistenze (in particolare delle POD) quando si utilizzano liquidi altamente usuranti non organici, come i tanto amati aromi ghiacciati.

Mister Fog Sempre Al Top!